Fisherman… australiani: Caribbean 420

La mia croce e virtù è che mi annoio facilmente se son costretto a scrivere di argomenti (e barche) già pluricelebrate da altre testate.

Per questo vado spesso a caccia di barche poco “parlate” e conosciute, anche perché serve a capire come il settore dei fisherman venga affrontato e sviluppato in altre parti del mondo che non siano necessariamente gli Stati Uniti d’America.

Ecco perché, stavolta, sono approdato in Australia, per rispolverare la memoria di barche che mi hanno sempre attratto per via della loro “cuginanza” con certi Bertram di altri tempi…

Oggi scrivo di Caribbean, un marchio storico di proprietà della International Marine, che da oltre 50 anni costruisce barche in lamianto pieno stratificato rigorosamente a mano dalle velleità fortemente sportfishing.

L’ultimo nato di casa Caribbean , il 420 Express, è un sedan express, una di quelle categorie che stanno prendendo sempre più piede nei cataloghi dei princiapli costruttori (Viking, Cabo, Hatteras e molti custom builders), poiché costituiscono un ottimo compromesso tra pesca e crociera, garantendo un quadrato perfettamente protetto dalle intemperie ed allo stesso tempo un’ottima comunicazione tra postazione di comando e pozzetto.

Il pozzetto del Caribbean 420 Express è pulito e sgombro, ma prevede tutto quanto possa servire all’angler per esercitare la sua passione.

In pozzetto non manca nulla: dalla vasca del vivo integrata nello specchio di poppa alle larghe falchette adatte ad ospitare almeno quattro portacanne ad incasso laterali, più due o tre sullo specchio, gavone sottochiave per canne e raffi ricavati sotto i trincarini, un’ampia vasca del pescato a pagliolo con coibentazione e postazione di preparazione delle esche a ridosso dei due gradini che conducono al ponte di guida. In posizione contrapposta è stato ricavato un grazioso divano mezzanino per chi non segua attivamente l’azione di pesca ma voglia assistervi senza intralciarne le operazioni.

Costruttivamente Caribbean si rifà alla tradizione, adottando la soluzione del laminato pieno stratificato a mano per lo scafo e sanwich di coremat per la coperta. Gli assi sono di sezione generosa (2″) in rapporto alla potenza applicata , e presentano una inclinazione di 12 gradi che, conciliati con la deadrise di 17 gradi, consentono a questo scafo di incedere alle velocità più disparate, dagli 11 ai 32 nodi (massima velocità con 2x 500hp Cummins) con assetto mai cabrato.

In sostanza, potreste utilizzare il 420 Express per veloci trasferimenti sui luoghi di pesca (velocità di crociera continuativa 25 nodi) piuttosto che per traversate rilassanti ad andatura da trawler. Il che non è affatto scontato per una barca planante di 42 piedi!

Attenzione: le foto del presente articolo si riferiscono al 420 Express con Cruiser Pack, che prevede la plancetta di poppa allungata, la palpebra dell’hard-top estesa sul pozzetto, pagliolo pozzetto in teak ed altre amenità che a noi pescasportivi duri e puri sarebbero complicazioni. La versione standard è sicuramente più adatta ad un utilizzo tuttapesca.

Internamente, Caribbean rispetta i canoni del fisherman tradizionale, con uso abbondante di essenze naturali e pellami. La zona del quadrato è ariosa e ben illuminata da luce naturale grazie alla presenza di finestrature apribili,  quella posteriore completamente, quelle laterali parzialmente.

Il salone, luminosissimo, offre comfort a chiunque; in più, un layout opzionale, in foto, permette di ricavare ben quattro posti letto.

Il salone è un prodigio di accoglienza e di sfruttamento degli spazi. Di fatto qui ci sono quattro posti letto, anche se non si vedono: la dinette con tavolo si trasforma in cuccetta matrimoniale ed il divano contrapposto in due cuccette a castello “reali”. A proravia di questo divano è posizionata l’unica postazione di comando, con una vera captain armchair provvista di ogni regolazione per agevolare i comandanti di varia statura durante la navigazione.

E siamo solo all’inizio, quanto ad ospitalità…

La cucina è davvero completa e spaziosa, inoltre su un livello inferiore e circondata da finestratura apribile, per favorire il ricambio d’aria.

Sottocoperta, infatti, oltre all’amplissimo locale bagno a doppio accesso con vano doccia separata, troviamo una cabina con letti a castello e la cabina armatoriale prodiera con letto matrimoniale queen size, con accesso interno al locale toilette.

Concorrenziale, a mio parere, il prezzo. Ritengo davvero difficile, se non impossibile, reperire sul mercato statuintense un prodotto dalle simili caratteristiche, che non costi più del doppio.

Se il Caribbean 420 Express vi interessa od ha suscitato la vostra curiosità, scrivetemi ad info@fishermanamericani.com

P.S.: NON DIMENTICATE DI LEGGERE FISHERMAN AMERICANI, DA OGGI ANCHE EBOOK
EURO 0,00 CON AMAZON KINDLE UNLIMITED!

 

Buon mare,

Benedetto Rutigliano
Autore di Fisherman Americani (anche eBook)
Autore di “Le 11 buone ragioni per NON comprare una barca (ed una per farlo)”
Autore di “La Barca da Pesca Perfetta- Guida sintetica” eBook
Scrittore per la rivista Pesca in Mare
FISHERMANAMERICANI Podcast

Be the first to comment on "Fisherman… australiani: Caribbean 420"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.