La legna si compra d’estate… e le barche?

Beh, la risposta potrebbe apparire scontata alla maggior parte di chi legge il titolo.

In realtà, però, quanti di noi (e mi ci metto anch’io) effettua l’acquisto della nuova barca in pieno inverno?

Pochi, anzi, pochissimi di noi.

La ragione è che, quasi sempre, prevale l’impulso emozionale: si pensa alla barca solo quando le giornate si fanno più miti, quando navigare a largo diventa quasi una esigenza, più che un vezzo od un passatempo.

Ho individuato il periodo di maggiore flessione delle quotazioni e di propensione alla trattativa tra
metà novembre e fine febbraio.

In realtà, ci sono ragioni profonde che rendono la trattativa e l’acquisto di una barca (nuova ma ancor più se trattasi di usato) conveniente per chi compra nella stagione fredda.

  • Prima di tutto, la previsione di una spesa che può essere più o meno onerosa, ma che in ogni caso vi sarà, per i lavori di rimessaggio e manutenzione ordinaria, dopo la stagione diportistica appena trascorsa.

Spesso l’idea di risparmiarsi tali esborsi induce chi sia intenzionato a vendere a scorporare dalla richiesta economica tale spesa, se non in toto almeno in parte.

  • In più, chi è interessato a cambiare tipologia o dimensione di barca, preferisce a rigor di logica liberarsi della propria, per poter avere più potere contrattuale con la successiva: quindi, costui sarà più o meno disposto, in base alla impellenza del passaggio ad un nuovo mezzo, a cedere terreno sul prezzo di realizzo della propria barca.
  • Se poi fortuna vuole che il venditore della barca alla quale siamo interessati sia molto motivato per ragioni personali ad alienarsene, ecco che la prospettiva delle spese di cui sopra, aggiunte a quelle di gestione (fitto posto barca e quota associativa per la stagione a venire) divengono un fattore quasi vincolante che andrà a vantaggio dell’acquirente.

Occhio ad un fattore che potrebbe andare a detrimento della bontà dell’affare, però:

SII INTERESSATO ALLA BARCA, MA SENZA INVAGHIRTENE!
(Clicca qui e capirai il perché)

L’ultimo mio assunto scaturisce da molte mie consulenze telefoniche, in cui percepisco la prevalenza del fattore istintuale ed emotivo su quello oggettivo e tecnico, di chi desidera acquistare una barca.

Il mio ruolo è quello di non indurvi in errore da soli, ed ecco perché tengo a stemperare gli entusiasmi, quando questi sono preponderanti sull’idea di scegliere una imbarcazione che realmente rispetti le proprie esigenze ed aspettative.

Se vuoi essere aiutato nella ricerca, nella selezione e nell’acquisto della tua prossima barca, scrivimi ad info@fishermanamericani.com e ti indicherò come potrò farlo.

Premesso che la barca davvero perfetta non esiste in termini assoluti, ma esiste quella che più si avvicina al tuo modo di andar per mare e di viverlo, la lettura di Fisherman Americani potrà rispondere a molti tuoi interrogativi in merito alla scelta della tua prossima barca da pesca:

Buon Mare,

Dr Benedetto Rutigliano
Autore di Fisherman Americani
Autore di “Le 11 buone ragioni per NON comprare una barca (ed una per farlo)”
Autore di “La Barca da Pesca Perfetta- Guida sintetica” eBook
Scrittore per la rivista Pesca in Mare
Fisherman Americani PODCAST

Be the first to comment on "La legna si compra d’estate… e le barche?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.