Boston Whaler 220 Outrage: center console in purezza.

Boston Whaler non ha bisogno di presentazioni.
È forse il marchio americano che prima di ogni altro è approdato in Italia già ormai più di 40 anni fa, facendosi conoscere per la cura costruttiva e la durata dei suoi manufatti contro gli elementi ed il tempo.

Il 220 Outrage è un mezzo poliedrico e specialistico allo stesso tempo.

Se da un lato permette, grazie al comodo locale ricavato nella console, di avere un servizio “dignitosamente” accessibile ed utilizzabile, oltre che un vano per cambiarsi, dall’altro questo Boston ha davvero proprio tutto ciò che un pescasportivo possa esigere da un fisherman: dalle vasche del vivo, a quelle per il pescato, coibentate, a svariati porta canna a riposo ed in pesca, fino ad un solido t-top con chiusure perimetrali.

Il Boston 220 Outrage rappresenta il classico center console made in USA per antonomasia: costruzione “bullet-proof”, sobrietà ed equipaggiamento orientato alla pesca sportiva, come Boston sa fare.

Il 220 Outrage beneficia dell’influsso del nuovo design arrivato sotto egida Brunswick (questa è anche la ragione per cui tutti i Boston escono dalla fabbrica con pre-rig Mercury o mtorizzati con gli stessi motori).

Dimenticato il passato… ad ali di gabbiano, ormai da due decenni, la carena del 220 Outrage è ora una moderna V variabile con deadrise poppiera di 21°, che le consente di essere molto performante con motorizzazioni nell’ordine dei 225-250cv, ottenendo più che apprezzabili percorrenze a velocità di crociera (2.75mpg a 4000rpm e 21.5kn, con 1x225cv Mercury Verado).

Pur in soli 22 piedi, Boston ha ricavato una tuna door degna di tale nome a babordo. Ottimo e sicuro varco per salpare prede, ma anche per accedere da e per il pontile.

Il pozzetto è come dovremmo aspettarcelo da un cantiere veterano dei fisherman come Boston Whaler: ampio calpestio, pur con il mobile che ospita le poltroncine di guida arretrate, una zona di preparazione delle esche con tagliere e vasca del vivo -questa perfettamente centrale, in modo da poter essere raggiungibile da ogni angolo del pozzetto- cockpit bolsters fabbricati in robustissimo vinile marino resistente ai raggi UV, vasche del pescato a pagliolo davvero generose per la categoria, più alloggi per palle di cannone per downrigger su ambo le falchette.

Interessante notare la soluzione adottata per le bitte di ormeggio, dislocate nelle murate interne del pozzetto, con passacima nei trincarini e bocche di rancio situate ad estrema poppa ed allineate ai primi. Una soluzione sicuramente più costosa di una semplice bitta esterna, ma anche molto più sicura sia dal punto di vista della tenuta, se sottoposta alle sollecitazioni di forti mareggiate, ma sicura anche dal punto di vista più prettamente antinfortunistico.

Un dettaglio del sistema di ormeggio sopra descritto, tipico di imbarcazioni ben più grandi.

Parlavo di flessibilità e di poliedricità di questo mezzo. Lo è davvero, a guardare come è architettata la prua: innanzitutto i passaggi laterali sono ampi e sicurissimi grazie alla generosa altezza della murata laterale (ma non eccessiva da far sembrare questo bel fisherman una tinozza instabile…); in più i gavoni di prua, adibibili a stivaggio di dotazioni ed attrezzature varie, sono ampie e cuscinate per poter essere facilmente utilizzate come prendisole. Ragion per cui, anche una compagnia femminile non propriamente interessata alla pesca, può intrattenersi per una tintarella in un luogo al riparo da ami e piombi, pur essendo a bordo di una barca di 6.80 m.

Barca piccola ma plancia da grande: la qualità delle componenti della helm station del 220 Outrage è la medesima che trovereste sul più grande degli Outrage, il 420. In più, la zona adibita ad ospitare gli strumenti di ausilio alla navigazione (ad incasso) è davvero molto generoso.

Il vano interno alla consolle, che ospita la toilette ed i pannelli eletrrici. Un vano piccolo ma inaspettatamente sfruttabile.

Dal punto di vista della costruzione, non c’è bisogno di annunci: the unsinkable legend è ancora uguale a se stessa, da sempre. Con le ovvie migliorie conseguite all’evoluzione delle tecniche costruttive e dei materiali, come uno studio progettuale di rango come quello di Boston Whaler ha da quando il buon Dick Fisher la fondò.

Per saperne di più su questo Boston Whaler 220 Outrage attualmente disponibile per la vendita scrivete a

info@fishermanamericani.com

Sarò lieto di guidarvi verso l’acquisto di una barca da pesca di sicuro riferimento nella categoria, mettendovi al riparo da cattive sorprese ed educendovi al meglio sulle sue caratteristiche, pregi e difetti.

Se avete ancora dubbi sulla tipologia di fisherman ideale per le vostre esigenze, non vi resta che leggere il libro Fisherman Americani, che raccoglie in un unico volume tutte le caratteristiche, le peculiarità, i pregi e difetti di tutte le tipologie di fisherman che il mercato del nuovo e dell’usato offrono al diportista appassionato di pesca sportiva.
Vi ricordo che con l’acquisto del libro avrete diritto ad una consulenza telefonica inclusa nel prezzo di copertina.

Buon mare ed a presto,

Benedetto Rutigliano

Autore di Fisherman Americani
Autore di“Le 11 buone ragioni per NON comprare una barca (ed una per farlo)”
Autore di“La Barca da Pesca Perfetta- Guida sintetica” eBook
Scrittore per la rivista Pesca in Mare
FISHERMANAMERICANI Podcast

Be the first to comment on "Boston Whaler 220 Outrage: center console in purezza."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*