Nuovo articolo su Pesca in Mare di Aprile!

Eccoci con il consueto appuntamento di inizio mese. Nella rubrica Pesca&Nautica del numero corrente della rivista Pesca in Mare parlo di

MOTORI FUORIBORDO DIESEL

Clicca qui e scarica l’articolo integrale in PDF.

 

Colgo l’occasione per comunicarti che da oggi è disponibile anche su Amazon l’eBook “La barca da pesca perfetta”:

 

A presto e Buon Mare,

Dr. Benedetto Rutigliano
Autore di Fisherman Americani
Autore di“Le 11 buone ragioni per NON comprare una barca (ed una per farlo)”
Autore di“La Barca da Pesca Perfetta- Guida sintetica” eBook
Scrittore per la rivista Pesca in Mare
FISHERMANAMERICANI Podcast

2 Comments on "Nuovo articolo su Pesca in Mare di Aprile!"

  1. IANNUCCI MARCO | aprile 5, 2019 at 2:54 pm | Rispondi

    INTERESSANTE IL SUO ARTICOLO RIGUARDANTE I MOTORI DISEL FUORI BORDO IO MI CHIEDEVO GIA DA SVARIATI ANNI PERCHE NON CI FOSSE NESSUNO CHE INVESTISSE IN QUESTA STRADA DI MARCHI DI RPIMARIA IMPORTANZA SUL SETTORE NAUTICO EUROPEO MI SONO SEPRE DATO UNA RISPOSTA CHE ANCORA LA TECNOLOGIA DI MINIMIZZARE UN MOTORE DISEL NELLE SUE PARTI MECCANICHE PRINCIPALI VISTE LE SUE CARATTERISTICHE DI FORZA E PRESSIONI SOSTENUTE DALLA SUA COMBUSTIONE NON FOSSERO TALI DI INTRAPRENDERE QUESTA STRADA E DA POTERLO RICHIUDERE IN UN FUORIBORDO MA FORCE CE ALTRO DI PIU RILEVANTE SONO CONTENTO CHE CI
    SIANO AZIENDE CHE ANNO INTRAPRESO QUESTA STRADA

    CHIARAMNETO COME LEI ACCENNAVA FORSE INSIEME A QUESTI MOTORI ANDREBBE ANCHE PROGGETTATA LA BARCA ANCHE LA CARENA E DISTRIBUZINE PESI PER IL LORO PESO E SPINTA PERCHE LE POPPE ATTUALI PER ME NON SONO PRONTE PER QUESTI SFORZI QUINDI CI SERVIREBBE CHE QUALCHE CANTIERE NAUTICO SPOSASSE INSIEME ALLE MARCHE DEI MOTORI QUESTA IDEA E LA PORTASSE AVANTEI CON CORAGGIO E DETERMINAZIONE

    UN ALTRA DOMANDA CHE MI FACCIO VISTO QUELLO CHE STA SUCCEDENDO SULLE AUTOVETTURE CHE NEL 2026-2028 IL MOTORE DISEL DOVEBBE ESSERE ACCANTONATO ANCHE SE NON MI SPIEGO COME CAMION FURGONI E GROSSE VETTURA POSSANO FARLO E CONVENIENTE SEGUIRE QUESTA STRADA ?
    COMUNQUE DI QUESTO SONO SICURO IL MOTORE DISEL DA PIU GARANZIE DI AFFIDABILITA E DURATA COSE CHE IN MARE NON SI DOVREBBE MAI SOTTOVALUTALE
    GRAZIE DEL SUO ARTICOLO ALLA PROSSIMA

  2. Benedetto Rutigliano | aprile 7, 2019 at 1:03 pm | Rispondi

    Caro Marco, le tue considerazioni calzano a pennello. La tecnologia del motore diesel, in realtà, ha raggiunto il suo punto di “saturazione” tecnologica già qualche anno fa, con l’avvento dei common rail, e questo è dimostrato dai consumi di carburante nettamente inferiori ai primi diesel a precamera aspirati. Lo scoglio ormai insormontabile per tali tipi di propulsori è il nodo “emissioni”: un diesel rimane un motore fondamentalmente SPORCO, e come tale appesantito, nel corso degli anni da filtri intermedi ed a valle della linea di combustione che non fanno altro che frammentare in pezzi sempre più minuscoli (e SEMPRE PIU’ DIFFICILMENTE CATTURABILI) le scorie (leggasi NOx e PM10, che diventano PM2.5 nelle motorizzazioni da autotrazione di classe EURO5 e 6). In poche parole, dal punto di vista ecologico il diesel è purtroppo una architettura ormai desueta e scalciata fuori dai giochi dalle moderne normative antinquinamento.
    Tuttavia, vi sono applicazioni (come la trazione pesante sia stradale, che marittima od aerea) in cui il diesel avrà ancora lunga vita.
    Per quanto riguarda i propulsori FB diesel, il tempo ci dirà quali consensi incasseranno tra i diportisti.
    Verissimo, infine, ciò che dici in merito alle strutture degli scafi che dovranno accoglierli. Gran parte dei vecchi scafi fuoribordo saranno soggetti a rivisitazioni strutturali non di poco conto, e non è detto che il loro valore commerciale possa sempre giustificare investimenti di tale tipo su barche già datate.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*