Tempo di rimessaggi: come preparo la barca al riposo invernale

Ottobre sancisce la chiusura della stagione diportistica per molti, nonché l’inizio di una serie di misure ed interventi mirati a conservare la barca nel migliore dei modi in attesa della stagione successiva.

E’ importante porre in atto questi accorgimenti per far sì che, il giorno in cui rimuoveremo il telo copri-barca, non dovremo aver a che fare con valvole incrostate, contatti non funzionanti, cattivi odori.

N.B.:Tutte queste operazioni sono eseguibili con del buon fai-da-te.

Non servirà, per questi lavoretti, scomodare meccanici o cantieri, che impegneremo invece per interventi più specialistici sui motori o sulle carpenterie della barca. quando necessario.

L’esperienza mi ha insegnato che i prodotti chiave per pulire ogni parte della barca al meglio, sono pochi e resistenti alle mode…

Cominciamo questa breve rassegna, dando per sottintese le operazioni di routine che tutti effettuiamo all’atto dell’alaggio della barca, come la pulizia ad alta pressione della carena ed il lavaggio del circuito dei motori con acqua dolce.

Chi non ha mai sentito parlare del CRC? Questo lubrificante e sbloccante ha un’efficacia prodigiosa su tutte quelle parti meccaniche soggette a subire l’azione della salsedine. Si pensi alle pulegge, tendicinghia, valvole di presa a mare, cerniere, ecc.

  • LUBRIFICAZIONE DEGLI ORGANI MECCANICI: quello che non dovrà mai mancare a bordo sarà
    il CRC 6-66, adatto all’uso nautico poiché il suo velo è particolarmente tenace, pur non essendo aggressivo.

La lubrificazione e la pulizia di tutte le valvole di presa a mare prima del rimessaggio sono operazioni essenziali per la salute della barca e per la VOSTRA SICUREZZA.

  • CONTATTI ELETTRICI:  il CRC Contact Cleaner è essenziale per la risoluzione dei falsi contatti conseguenti all’intrusione di umidità o all’ossidazione dei contatti elettrici.

Basterà spruzzare qualche colpo di spray sui contatti per preservarne la funzionalità anche dopo mesi di inattività.

Prima e dopo il rimessaggio, il CRC Contact Cleaner (ed una pezza pulita…) possono salvarvi da panne elettriche dell’ultimo secondo.

  • Per la pulizia dei metalli consiglio la Pasta Iosso, vecchissima formula dall’efficacia indiscussa, appicabile sia sugli acciai sia sui metalli cromati.

Per preservare dall’ossido e dalla corrosione le parti metalliche della barca è sufficiente un panno morbido e della pasta per metalli come la Iosso.

Nelle oscurità della sentine possono nascondersi liquidi che, al chiuso durante il periodo invernale… possono riservarvi odori terribili per la stagione successiva.. meglio pulirla preventivamente.

Questo prodotto, oltre a rimuovere i residui di olii e fluidi, cancella anche ogni traccia di cattivo odore che, se lasciato agire a barca chiusa, può diventare un problema imbarazzante quando andremo a riaprire il cassero motore o le botole di ispezione delle sentine in primavera. Io solitamente verso il prodotto la sera prima di portare la barca in secca e scarico la sentina in secca, dopo l’alaggio.

  • SERBATOI CARBURANTE: un suggerimento prezioso tramandatomi da uomini di mare di lungo corso è quello di riempirli fino ad almeno tre quarti della loro capacità massima prima di alare la barca. Questo accorgimento eviterà la formazione di condense che altrimenti potrebbero riempire i vostri filtri separatori dopo le prime ore di moto della nuova stagione!

Anche tendalini di qualità possono durare poco se ne trascuriamo la pulizia e la cura.

  • TENDALINI: esistono prodotti appositi per la loro pulizia e tutela, come il Renovo Plastic Window cleaner , che rimuove residui di salsedine e le opacizzazioni del sole dagli elementi trasparenti dei tendalini; per gli elementi in tessuto, invece, si userà un prodotto come il Sail&Canvas Cleaner

Cuscinerie e imbottiture necessitano di essere puliti e protetti con prodotti appositi.

  • CUSCINERIE: lo Iosso Vinyl Restorer  utile per reidratare la simil-pelle ed in generale i tessuti vinilici come per esempio i cockpit bolsters , dopo una stagione calda ed assolata, e renderli pronti per la stagione successiva.

  • MOQUETTE: eventuali parti in moquette come i tappeti copripagliolo del ponte di guida o della cabina andranno lavati e puliti con prodotti ad utilizzo rapido come il Carpet Cleaner .

Lavare le cime di ormeggio e quelle di servizio è essenziale per non trovare dei grovigli duri ed inservibili la stagione successiva.

  • CORDAME e PARABORDI: sarà sufficiente metterli a bagno in acqua e sapone per qualche ora, pulirli con una spazzola e risciacquarli con acqua dolce pulita. Per i parabordi sarà utile un prodotto per la rimozione dei residui di strisciate tra barca e barca, magari durante le mareggiate o in manovra, come il Black Streak Remover.
    N.B.:Questo prodotto sarà ottimo anche e soprattutto per rimuovere gli aloni nerastri in corrispondenza degli scoli di coperta, da applicare quindi sulla vetroresina con un panno morbido.

  • I CIRCUITI ATTRAVERSATI DA ACQUA SALATA, come per esempio quelli delle vasche di vivo e pescato, andranno risciacquati con acqua dolce e detergente per rimuovere residui di vegetazione e concrezioni marine che, essiccandosi, possono creare cattivi odori a bordo.

Queste sono alcune essenziali operazioni fattibili da sé, che ritengo ottimale eseguire a barca appena ricoverata, semplicemente per non allungare eccessivamente l’elenco delle azioni da porre in essere quando sarà giunto il momento del varo della nuova stagione diportistica, momento a cui dedicherò un altro articolo a tempo debito.

Per il resto, sapete come contattarmi (3486562148 per telefono o WhatsApp) per informazioni, dubbi o richieste di consulenza .

PS: Non dimenticate di leggere Fisherman Americani ed il suo fratello minore, il nuovo eBook La Barca da Pesca Perfetta- Guida Sintetica, del quale

potete leggere l’ estratto gratuito CLICCANDO QUI. 

 

Buon Mare,
Dr. Benedetto Rutigliano

Autore di Fisherman Americani
Autore di “Le 11 buone ragioni per NON comprare una barca (ed una per farlo)”
Autore di “La Barca da Pesca Perfetta- Guida sintetica” eBook
Scrittore per la rivista Pesca in Mare

 

 

Be the first to comment on "Tempo di rimessaggi: come preparo la barca al riposo invernale"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*