Piccoli motori = piccoli consumi? In mare, NO!

Dopo aver analizzato brevemente:

1. L’altezza e la forma del pozzetto;

2. La caliciatura dei masconi,

3. La vasca del vivo;

oggi affrontiamo il nodo

MOTORIZZAZIONE

La questione della propulsione è oggetto di diatribe concettuali tra i diportisti e di più o meno fondati timori commerciali tra i costruttori.

Generalmente l’idea di grandi potenze, soprattutto se abbinate alla progettazione di scafi di dimensioni compatte, crea nei cantieri una certa ritrosia per il dubbio di allontanare la parte di diportisti che vedono, nell’abbondanza di cavalleria, una minaccia per il proprio portafoglio in termini di consumi.

Tuttavia il fisherman ha necessità di un equipaggiamento differente rispetto alla barca da diporto ricreativo, infatti sarà più soggetta a sovraccarichi di attrezzature a bordo e, per di più, sovente presenta geometrie di carena molto esigenti dal punto di vista della forza propulsiva.

Spesso mi capita di vedere carene con ottime caratteristiche di tenuta di mare e di penetrazione nell’onda, offerte però con motorizzazioni di base ridicole, che servono esclusivamente ad invogliare all’ acquisto il diportista timoroso degli alti costi di esercizio, il quale, una volta varata la barca, si renderà conto che i consumi che confidava essere contenuti non lo sono affatto, anzi, lo sarebbero stati se avesse optato per una motorizzazione più generosa.

La sottomotorizzazione, nel panorama nautico soprattutto europeo, è un male subdolo e dilagante.

Non è una questione di sfoggiare una sfilza di motoroni a poppa, o di poter fare sci nautico… ma di SICUREZZA IN MARE!

Uno dei corollari della nautica americana specializzata in fisherman recita che:

“Una barca bimotore è adeguatamente motorizzata se, a pieno carico, è in grado di raggiungere la planata e di MANTENERLA con l’ausilio di un solo motore”.

Ovviamente tale concetto è orientato a barche di una certa stazza, sulle quali la potenza può far la differenza tra l’essere “piantati” nel mare grosso, soprattutto in caso di avaria di un motore, ed il poter fare rientro in porto sani e salvi.

Naturalmente tale regola può essere applicata anche ai fisherman monomotore, osservando in quanto tempo o con quale facilità l’unico motore sia in grado di far entrare in planata lo scafo.

Tale osservazione serve a prevedere se, con carena sporca e barca carica, la vostra barca sia in grado di potervi condurre per mare in sicurezza o possa rivelarsi una TRAPPOLA GALLEGGIANTE.

Tutto ciò che consegue a tale test, si rifletterà inevitabilmente sui consumi.

Un piccolo motore costretto a girare a 5000 rpm per farvi navigare alla velocità di crociera consuma molto più di un grande motore che raggiunge la stessa velocità a 3500 rpm

In poche parole, se pensate di risparmiare sui consumi di carburante acquistando la motorizzazione d’ingresso della barca che vi piace, è bene che effettuiate delle prove in mare prima di farlo.

Potreste aver pagato per comprare un problema, invece che una barca.

Questo ed altri punti cruciali che fanno di una barca un vero fisherman sono affrontati nel libro Fisherman Americani, di cui puoi acquistare la tua copia CLICCANDO QUI.

Per qualsiasi chiarimento, informazione o, semplicemente, per uno scambio di idee sulla barca che ha catturato la Tua attenzione, sono disponibile al 3486562148 o per mail, ad assistenza@fishermanamericani.com

Buon mare!

Benedetto.

Be the first to comment on "Piccoli motori = piccoli consumi? In mare, NO!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*